Biblioteca fantasma: “Il diavolo dentro”, di Roberto Ottonelli

309763

Il diavolo dentro (Odissea Digital) è un romanzo liberamente tratto dalle vicende riguardanti le Bestie di Satana, e si è rivelato una lettura intensa, destabilizzante, principalmente a causa della consapevolezza che in esso vi siano situazioni realmente accadute; questo è un punto su cui Roberto Ottonelli gioca con intelligenza, miscelando situazioni verosimili con scene inventate, rendendo ancor più violento l’impatto esercitato sul lettore, il quale si chiederà cosa sia reale e cosa appartenga alla fantasia dell’autore.

Il background in cui le Bestie di Satana agivano viene sfruttato efficacemente da Ottonelli, il quale dona risalto a ogni elemento, dagli ambienti di frequentazione alla citazione di artisti e testi musicali, conferendo maggior spessore allo scenario delineato: la provincia milanese e varesina, a cavallo tra gli anni ’80, ’90 e l’inizio del 2000, i locali frequentati dai ragazzi e un contesto giovanile di totale disinteresse e abbandono da parte degli adulti, nel quale la droga trova terreno fertile in cui affondare le radici.

Le pagine scorrono trascinando il lettore in un vortice di follia, di rabbia e frustrazioni nel quale i protagonisti si crogiolano con leggerezza, figli di vite difficili, di esperienze tragiche e di un’emarginazione che in parte cercano e in parte subiscono.

La narrazione in prima persona esce dai canoni, alternando in tale ruolo i vari protagonisti di capitolo in capitolo; una scelta vincente, che offre la possibilità di vivere situazioni differenti e di aggirare la necessità di un protagonista unico, centrale, nel quadro narrativo.

“Il diavolo dentro” è un libro forte, brutale in ogni sua sfumatura, avvincente e scioccante, che, seppur si regga su una struttura ben precisa, non rimane vincolato ad essa, anzi, la sfrutta come trampolino per la realizzazione di un’opera originale e ben studiata.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.