Il Grimorio dell’eretico Samael

Le ambientazioni gotiche sono qualcosa che comprende sì i canonici manieri sferzati dalle piogge notturne, ma che abbraccia un panorama ambientale e sociale ben più ampio.

I russi, in questo, sono stati maestri, allestendo scenari immersi nelle campagne fangose, così come nelle enormi e imponenti città dell’Europa orientale.

In questa raccolta di racconti, il lettore non troverà castelli nei cui recessi riposano tetri vampiri, piuttosto qualche “favola nera”, fole e leggende che aleggiano su territori ben più vicini dei Carpazi transilvani o delle fattorie nelle campagne ai margini di Pietroburgo.

Versione cartacea disponibile su:

Sinossi: Samael l’eretico è solo uno dei tanti sventurati caduti vittima delle paure, delle superstizioni e del potere soverchiante della religione. La sua vita, insolitamente lunga e ricca di esperienze, lo ha portato a produrre strani scritti recanti storie ambientate in epoche lontane e che in parte ha incluso in questo suo grimorio.

Un omaggio al “Necronomicon” di Lovecraft, nella sua struttura e orchestrazione, un tributo ai grandi russi del surreale e del gotico, che hanno esaltato le fole, le leggende, giocandoci attraverso chiaroscuri talvolta appena accennati. “Il Grimorio dell’eretico Samael” è una raccolta di racconti che riprende quei formidabili autori, i quali ancora oggi dipingono in chi li legge quadri meravigliosi dalle tinte oscure.

Genere: Horror gotico – Racconti

Pagine: 216 (formato tascabile) e 118 (formato A5)

Rilegatura: Brossura

Editore: Self – publishing

no-eap1

Questa pubblicazione è frutto di self-publishing e di editoria non a pagamento.